LINGUE

Tour guidati in Armenia, Georgia, Azerbaijan e Iran

Scegli Utat Viaggi per i tuoi viaggi organizzati in Armenia, Georgia, Azerbaijan e Iran con Partenze Garantite e guide parlanti italiano.

8 giorni

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Yerevan, Echmiatsin, Zvartnots, Garni, Geghard, Khor Virap, Noravank, Areni, Sevani, Dilijan, Alaverdi, Sanahin, Haghpat


CODICE TOUR: UAR1

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Yerevan, Echmiadzin, Zvartnots, Garni, Geghard, Sevan, Sanahin, Haghpat, Bagratasheni (Sadakhlo),Tbilisi, Mtskheta, Gori, Gudauri, Kazbegi


CODICE TOUR: UAR2

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO

HIGHLIGHTS: Yerevan, Zvartnots, Ejmiatsin, Garni, Geghard, Sevan, Dilijan, Alaverdi,Confine Armenia-Georgia, Tbilisi, Mtskheta, Gori, Gudauri, Kazbegi, Alavardi, Gremi, Gurjaani


CODICE TOUR: UAR3

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Baku, Penisola di Absheron, Shamaha, Sheki, Gremi, Tsinandali, Sighnaghi, Tbilisi, Mtskheta, Uplistsikhe, Ananuri, Kazbegi, Sadakhlo Border, Haghpat - Sanahin, Sevan, Yerevan, Garni, Geghard, Khor Virap, Noravank, Karahunj, Goris, Tatev, Khndzoresk


CODICE TOUR: UAR4

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Yerevan, Ejmiatsin, Zvartnoc, Garni, Geghard, Sevan, Khor Virap, Noravank, Karahunj, Goris, Tatev, Kndzoresk, Kapan, Meghri, Tabriz, Shiraz, Esfahan, Teheran


CODICE TOUR: UAR5

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Teheran, Zanjan, Tabriz, Nordooz, Meghri, Goris, Tatev, Noravank, Areni, Yerevan, Echmiadzin, Zvartnots, Garni, Geghard, Sevan, Dilijan, Sanahin, Haghpat, Sadakhlo, Tbilisi, Mtskheta, Ananuri, Kazbegi, Trinità di Gergeti, Telavi, Tsinandali, Signagi


CODICE TOUR: UAR6



INFO DESTINAZIONE


NOTIZIE UTILI ARMENIA E GEORGIA
 
Documenti di espatrio e visti
Armenia
È richiesto passaporto con validità residua non inferiore al periodo di permanenza in Armenia, che non può essere superiore ai 180 giorni. Dal 10 gennaio 2013 i cittadini UE e dei Paesi non UE, ma aderenti all’area Schengen, non necessitano di alcun visto, se il soggiorno è inferiore a 180 giorni.
Dal 2005 l’Armenia è una repubblica semi-presidenziale con il Presidente eletto direttamente dal popolo e in carica per 5 anni; il Primo Ministro gode della fiducia del Parlamento.
Georgia
È richiesto passaporto in corso din validità di almeno sei mesi successivi alla data di ingresso in Georgia.
Carta d’identità: in formato cartaceo ed elettronico, purché si transiti da Paesi Schengen.
Visto di ingresso: dal 5 giugno 2015, i cittadini italiani possono entrare in Georgia senza l'obbligo di visto per il periodo di un anno. 
La Georgia è una repubblica presidenziale.
 
Per i viaggi combinati con l'Azerbaijan:
Passaporto: necessario unitamente al visto.
Visto di ingresso: da notare che, se sul passaporto risulta un precedente viaggio nell’entità separatista non riconosciuta del “Nagorno Karabakh”, l’ingresso nel Paese verrà negato, anche se in possesso di un visto d’ingresso in Azerbaijan. Dal gennaio 2017 esiste una procedura di e-visa destinata all’ottenimento di un visto per una sola entrata nel Paese della durata massima di 30 giorni. Tutte le informazioni circa la richiesta di e-visa si trovano al seguente link: 
https://evisa.gov.az/en/ Costo USD 20
 
Per i viaggi combinati con l'Iran:
È richiesto passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dall’uscita dal Paese.
Visto d’ingresso: Necessario e la richiesta si fa tramite l’ambasciata di Roma o il consolato di Milano; sono necessari i seguenti documenti: modulo per la domanda di visto compilato che si può scaricare dal sito stesso dell’ambasciata; passaporto con almeno sei mesi di validità; 1 fotografia formato passaporto; polizza sanitaria a copertura delle spese mediche; autorizzazione ricevuta dall’operatore turistico Iraniano (Visa Grant Notice); impronte digitali da lasciare in consolato quando consegnate i documenti per il visto. A partire dal 24 Luglio 2017 tutti i richiedenti di visto d'ingresso per viaggiare nella Repubblica islamica dell'Iran, dovranno presentare relativa domanda per via telematica, attraverso  il sito del ministero degli affari esteri della Repubblica dell’Iran all’indirizzo: http://e_visa.mfa.ir/en e dopo essersi registrato, ottenere il relativo codice di registrazione.
In seguito, il richiedente dovrà recarsi in persona alla sede del consolato di riferimento munito di: codice di registrazione; passaporto originale; certificato di assicurazione di viaggio e  biglietto aereo di andata e ritorno.  
Per la registrazione e il completamento della domanda, il richiedente di visto elettronico dovrà fornire altresì: scopo e programma di viaggio; brevi informazioni circa il livello d’istruzione e la posizione lavorativo e professionale; una foto scansionata del richiedente e una fotocopia scansionata della prima pagina del passaporto del richiedente (dimensione massima del file da caricare 500 KiloBytes); pagamento on line di € 75,00 o quanto richiesto dal consolato.
 
Disposizioni Sanitarie
Armenia
Nessuna vaccinazione obbligatoria richiesta. Le strutture sanitarie, sono poche e di basso livello. Si sono registrati nel Paese numerosi casi di “influenza suina” che riguarda soprattutto bambini e giovani sino ai 18 anni. Le autorità tengono la situazione sotto continuo monitoraggio.
Georgia
Nessuna vaccinazione obbligatoria richiesta. Ai sensi della legge georgiana sulle sostanze stupefacenti, è severamente vietato – anche in presenza di ricetta medica - il possesso di alcune sostanze comunemente utilizzate in alcuni farmaci ampiamente commercializzati in Italia. Tra queste, si segnalano le più diffuse: acetildiidrocodeina, diidrocodeina (Paracodeina), codeina (Co-efferalgan, Tachidol, Lonarid, Codamol), nicocodina, nicodicodina, norcodeina, folcodina (Galenphol, Pavacol), etilmorfina, efedrina (Argotone, Deltarinolo, Rinovit), pseudoefedrina (Actigrip), norefedrina, metadone, tramadolo (Contramal), pregabalin (Lyrica). Per i trasgressori sono previsti l’arresto, nonché pesanti sanzioni pecuniarie. Si consiglia ai connazionali che intendono recarsi in Georgia di controllare la lista completa delle sostanze interdette prima di partire, consultandola sul sito dell’Ambasciata d’Italia a Tbilisi. Qualora fosse indispensabile disporre di un farmaco contenente principi attivi inclusi nella lista, è necessario presentare alla dogana la seguente documentazione:
- copia della ricetta medica, tradotta in inglese e accompagnata da autenticazione notarile. La ricetta dovrà riportare le seguenti informazioni: nome, cognome, sesso ed età del paziente; diagnosi della patologia; nome del farmaco e del principio attivo; dosi e modalità di somministrazione; quantità in possesso del paziente; durata della terapia.
- copia di un documento attestante le credenziali del medico curante (è sufficiente copia del libretto sanitario timbrato e firmato dalla ASL competente), tradotto in inglese e accompagnato da autenticazione notarile.
 
Clima­
Armenia
Gode di un clima continentale secco con inverni molto freddi ed estati calde; in genere è poco piovoso. L’Armenia è un Paese montuoso solo una piccola porzione del territorio si trova al di sotto dei 1000mt, mentre non esistono zone pianeggianti: con l’aumentare della quota il clima non solo diventa più freddo, ma anche con più precipitazioni anche nevose; a quote elevate la pioggia è scarsa e l’estate caldissima. La stagione migliore per visitare il Paese rimane l’autunno con meno precipitazioni che non in primavera e temperature abbastanza miti. La capitale, Yerevan, è a 800mt con inverni molto freddi e temperature estive che possono raggiungere i 40°. Consigliamo abbigliamento molto caldo in inverno con piumino e berretto, sciarpa e guanti. 
In estate: per Yerevan, vestiti leggeri per il giorno anche con un cappello per il sole, una felpa o una giacca leggera per la sera; per Severan e il nord vestiti di mezza stagione durante il giorno, maglione e giacca più pesante durante la sera.
Georgia
Il clima della Georgia si può dividere in tre fasce: 
- Costa del Mar Nero, con un clima di tipo subtropicale, caratterizzato da notevole piovosità, soprattutto nella zona circostante la città di Batumi, al confine turco, con inverni miti (rare nevicate), mentre in estate il clima è caldo-umido;
- zone di alta montagna del Grande e Piccolo Caucaso, con clima per molti versi analogo a quello dell’arco alpino europeo;
- restanti parti, pianeggianti o collinari, del Paese, inclusa la capitale Tbilisi, caratterizzate da un clima temperato. A volte può esservi caldo afoso in estate e temperature al di sotto lo zero in inverno. Rara la nebbia.
 
Valuta
Armenia
Dal 1993 è stata messa in circolazione la valuta locale DRAM (banconote e moneta) Nei negozi ed in altri punti vendita il commercio viene effettuato solo in valuta locale. Nessuna restrizione. Quasi tutte le valute straniere posso essere facilmente convertite nei numerosi uffici cambio ovunque reperibili. Alcuni negozi hanno cambiovaluta all’interno senza che sia necessario il passaporto.
L’uso delle carte di credito è diffuso, così come il servizio di bancomat internazionale. Gli sportelli sono presenti anche nei piccoli centri.
 
Georgia
La moneta ufficiale è il Lari georgiano che viene suddiviso in 100 tetri. È relativamente facile, soprattutto a Tbilisi e nei principali centri abitati, procurarsi denaro attraverso distributori bancari automatici o cambiare valuta (specialmente euro e dollari) in banca o presso uno dei numerosi agenti di cambio indipendenti, alcuni dei quali sono aperti 24 ore su 24. In generale, le banche e le agenzie di cambio non applicano commissioni. Non è pertanto necessario cercare di procurarsi valuta locale prima dell’arrivo nel Paese. Carte di credito poco usate.
 
Fuso orario
Armenia e Georgia
 +3 rispetto l’Italia durante l’ora solare; +2 durante l’ora legale, sempre che non venga introdotta anche in Armenia.
 
Elettricità
Armenia e Georgia
220V 50Hz, con spine bipolari simili a quelle italiane; la frequenza di rete è poco stabile
 
Telefoni
Armenia
Le principali compagnie telefoniche sono Ucom, BEELINE di proprietà dell’omonimo operatore russo e VIVACELL affiliata a K-Telecom e di proprietà del gruppo russo MTS. Il prefisso per chiamare l'Armenia dall'Italia è 00374.
 
Gerogia
Reti come MagtFix e Silknet hanno nove cifre ed iniziano rispettivamente con 790 e 791 e sono generalmente wireless. Per chiamare la Gerogia dall’Italia comporre lo 00995, viceversa dalla Georgia comporre lo 0039 oppure 81039. La Georgia utilizza i sistemi GSM 900/1800 e 3G2100 compatibili con quelli europei. Quasi tutti in Georgia possiedono un cellulare; i tre maggiori operatori sono Magti, Geocell e Beeline.
 
Lingua
Armenia
La lingua ufficiale è l’armeno nella variante orientale, diffuso anche nella comunità armena in Iran. L’inglese e il russo sono largamente usati. A Yerevan, la maggior parte della gente, soprattutto i giovani conosce anche francese, tedesco e spagnolo.
Georgia
La lingua locale è il Georgiano; molte persone parlano ancora il Russo. Meno diffuso è l'Inglese.
 
Religione
Armenia
Cristiana apostolica di rito armeno, con minoranze yazidi, cattolici, protestanti, musulmani e Testimoni di Geova.
Georgia
La Chiesa apostolica autocefala ortodossa georgiana è una delle più antiche chiese cristiane del mondo, fondata nel I secolo d.C. dall'apostolo Andrea. Nella prima metà del IV secolo d.C. il Cristianesimo venne adottato come la religione di Stato. Questo ha portato un forte senso d’identità nazionale, nonostante i ripetuti periodi di occupazioni straniere e tentativi d'assimilazione. 
In accordo con la costituzione della Georgia, le istituzioni religiose sono separate dal governo e ogni cittadino ha il diritto di professare liberamente la propria fede religiosa. Comunque, più dell'82% della popolazione della Georgia pratica la confessione cristiana ortodossa e la Chiesa Ortodossa Georgiana è un'influente istituzione nel paese.
 
Popolazione
Armenia
L’Armenia è il secondo paese più densamente popolato dell’ex Unione Sovietica. Il tasso di crescita è basso ed inoltre molto forte è l’emigrazione. La popolazione è composta in maggior parte da armeni che costituiscono il 97% circa della popolazione; il resto comprende curdi, russi, e altri gruppi etnici con percentuali molto basse (assiri, ucraini, greci, etc.). La popolazione curda appartiene principalmente al gruppo religioso degli yazidi. Con la sua storia così travagliata, si contano più Armeni all’estero che non nella stessa Armenia.
Georgia
I georgiani (inclusi mingreli, svani, laz e agiari) sono attorno all'83,8%, dell'attuale popolazione della Georgia. Gli altri principali gruppi etnici includono gli azeri, che sono il 6,5% della popolazione, armeni  5,7%, russi –1,5%, abcasi e osseti. Anche altri numerosi piccoli gruppi etnici vivono nel paese inclusi assiri, ceceni, cinesi, ebrei georgiani, greci, kabardi, curdi, tatari, turchi e ucraini. In particolare, la comunità ebraica georgiana è una delle più vecchie al mondo.
 
Cibi e bevande
Armenia
La cucina armena è molto colorata, varia e, spesso, elaborata. Speziata, ma non eccessivamente piccante, profumata da innumerevoli erbe fra cui menta, coriandolo, prezzemolo, aneto, basilico rossastro e naturalmente non possono mancare aglio e cipolla. I khorovatz , spiedini di pollo o agnello o carni miste, è il loro piatto forte, ma non manca il pesce, ovviamente d’acqua dolce, fatto alla brace e con, a fine cottura, fettine di limone, dragoncello e chicchi di melograno.
Yeghindiz, il riso generalmente pilaf, è un primo piatto diffuso, cucinato in svariate versioni; non mancano le zuppe. Il riso è la base dei dolma, involtini di foglie di verza o vite. Fra i legumi più noti i topik, fagottini di vegetrali piuttosto elaborati.
Il formaggio è in genere ottenuto dal latte di pecora e risulta essere salato e poco grasso.
Pastema/bastema, filetto di manzo affumicato, speziato, impiegato spesso come antipasto e consumato insiema a lavash, ossia il pane tradizionale armeno tipo una piadina sottilissima e cotta nel tonir, il forno circolare scavato nel pavimento.
Famoso anche il dzavar, comunemente conosciuto con il termine turco di bulgur: grano spezzato usato sia caldo che freddo negli antipasti.
Lo yogurt è detto matzun, e insieme al miele è la base per la prima colazione. È presente però ache in molte zuppe e pietanze.
I dolci prediligono l’impiego di miele, cannella, noci, pistacchi ed altri ingredienti non rapidamente deteriorabili. I più famosi sono la paklava e il dolce natalizio Anushabur.
La frutta è presente soprattutto d’estate.
L’acqua è ovunque potabile e sgorga dalle sorgenti termali della città di Jemuk; la più diffusa è Noy che prende il nome del biblico conduttore dell’Arca.
Presente anche il vino di buona qualità: rosso denominato Areni e bianco Arax.
Da non dimenticare il famoso cognac Ararat, la cui fabbrica è a Yerevan e spesso vi  si fanno visite guidate.
 
Georgia
La Georgia ha alle spalle una storia antichissima che da sempre è stata accompagnata dalla coltivazione della vite e dalla produzione di vino, come testimoniano alcune tracce datate fino a 8000 anni fa. Non a caso, il nome con cui è chiamata all’estero la nazione, che invece i georgiani chiamano Sakartvelo, deriva dal termine greco "georg", che si riferisce all’agricoltura.
Durante i secoli, per la sua conformazione politica e geografica, il Paese ha assorbito influenze culinarie da tutti i vicini, ma ha comunque conservato la sua identità. La cucina georgiana è fresca, e basata sulle verdure. Le noci sono una colonna portante, pane e formaggi si trovano su ogni tavola e i piatti vengono arricchiti da peperoncino, spezie (se vi piacciono è da provare l'Adjika, fatta di peperoni rosso e aglio) ed erbe fresche come coriandolo e prezzemolo. La cosa più importante però è che il cibo georgiano nasce per la condivisione. In un paese dove l'ospite è considerato un dono, non sorprende che i piatti siano un riflesso dell'accoglienza, specialmente durante festività tradizionali come la Supra. Qui di seguito alcuni piatti tipici georgiani: Khinkali, ossia ravioli grandi quanto un pugno e sono uno snack morbido e saporito reperibile in qualsiasi parte del Paese. Di solito vengono farciti con carne a volte speziata e serviti con brodo o verdure; khachapuri, ossia il piatto nazionale e si trova sia nella versione ripiena di formaggio e uova o solo formaggio, ma ogni regione da un proprio tocco; puri il pane georgiano piatto e sottile; sottaceti gerogiani, molto amati e sono con melanzane, aglio cipollotti, cetrioli, ma anche fiori come Jonjoli dal gusto inusuale; sulguni, il formaggio a pasta semi morbida e dal sapore un po’ salato e viene servito fresco o cotto in forno; badrijani, ossia melanzane fritte e ripiene di pasta speziata alle noci ed è un ottimo piatto vegetariano;  pkhali, un antipasto freddo fatto di pasta speziata alle noci con erbe fresche e aceto, sono a forma di polpette e sono poi fritti o bolliti e possono essere guarniti con semi di melograno; insalata giorgiana e di solito significa pomodori freschissimi, cetrioli, erbe, salsa alle noci come condimento; mtsvadi, spiedini di vitello o angello o maiale cotti sulla legna e con cipolle tagliate e succo di melograno; soko kecze, funghi al forno ripieni di formaggio detto sulguni e serviti in una ciotola di ceramica; churchkhela, dolciumi dalla forma stretta e lunga, che da lontano ricordano delle candele, fatti di noci o nocciole infilzate a un filo di cotone e immerse in uno sciroppo denso e appiccicoso di frutta (solitamente uva ma anche di altro tipo, dai kiwi ai lamponi, che danno vita a un variopinto assortimento di colori; asciugandosi, lo sciroppo, ricopre le noci assumendo una consistenza gommosa e si conserva per svariati mesi, diventando un pratico snack; fruit leather (letteralmente pelle di frutta) a base di frutta essiccata, che sono usati per diverse ricette o mangiati così come sono con il termine lemonade i georgiani indicano una serie di popolarissime bibite frizzanti e zuccherate dai colori improbabili che vanno dal giallo (al limone) al verde smeraldo (dragoncello) con cui accompagnano volentieri ogni pasto; vini qvevri, ossia fatto da una delle 500 varietà d’uva del Paese, fra cui le più note, sono Saperavi (nera) e Rkatsiteli (bianca); la tecnica tradizionale prevede una, spesso non troppo lunga, macerazione sulle bucce e conseguente fermentazione nelle anfore interrate, dette appunto qvevri. I vini georgiani sono bevuti solitamente piuttosto giovani, anche se c’è chi sta sperimentando tempi di maturazione in anfora o in bottiglia più lunghi.
 
Acquisti
Armenia
L’artigianato in Armenia e piuttosto vario: piccoli oggetti in ferro battuto, ottone, rame, merletti, tessuti, pietre semipreziose come l’ossidiana, oggetti in oro e argento. I tappeti e i libri d’arte rappresentano gli acquisti più importanti; da non dimenticare il cognac, la vokda e la frutta secca. Per il trasporto in Italia di tappeti o altri oggetti antichi acquistati in Armenia è necessario un apposito certificato d'esportazione. Tale certificato si richiede normalmente al venditore e deve essere presentato alle autorità doganali al momento del trasporto del bene, unitamente ad una fotografia del bene stesso.
Georgia
L'artigianato in Georgia è molto vario: dai piccoli oggetti di ferro battuto, ottone, rame ai merletti, tessuti, ricamati, pietre preziose, oggetti d'oro, in argento. Particolarmente pregiato il té georgiano, la frutta candita, secca, i libri d'arte. Si trovano anche  tappeti, i famosi Bukhara,  gioielli e molti oggetti di fattura artigianale.
 
Abbigliamento
Armenia e Georgia
Non esistono restrizioni particolari in merito all’abbigliamento. Sicuramente a seconda della stagione del viaggio e al clima dei due Paesi, bisogna tener conto di portare capi più o meno pesanti, impermeabili e scarpe comode.
 
Mance
Armenia e Gerogia
Nei caffè e nei ristoranti, la maggior parte dei conti includono il costo del servizio pari al 5-7% del totale. In questo caso non è necessario lasciare altro. Diversamente si usa lasciare circa il 10% del conto. Per i servizi turistici in genere, si lascia una sorta di buon servizio.
 
CONTATTACI

+39 0365 546 701


Numero verde 848 46 60 00


booking@utat.it

CONTATTACI

  •    +39 0365 546 701

  • Numero verde 848 46 60 00

  •    booking@utat.it

SEGUICI

UTAT VIAGGI

UTAT TOUR OPERATOR s.r.l.

P.IVA - C.F. 02944360987
Licenza decreto Provincia di Brescia n°808 del 11.04.2003 - autorizzazione I.A.T.A. 3822170-2 - Tutti i diritti riservati. - glacom®

Privacy Policy