LINGUE

Tour Viaggi e Vacanze Peru' - Utat Viaggi

Scegli Utat Viaggi per i tuoi viaggi organizzati in Perù. Tour con Partenze Garantite e guide parlanti italiano.

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Arequipa, Puno, Cuzco, Chinchero, Maras, Ollantaytambo, Aguas Calientes, Machu Picchu, Poroy


CODICE TOUR: UPE1

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Paracas, Nazca, Arequipa, Puno, Cuzco, mercato di Pisac, Ollantaytambo, Aguas Calientes, Machu Picchu, Poroy


CODICE TOUR: UPE2

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Paracas, Oasi Huacachina, Nazca, Arequipa, Chivay, Croce del Condor, Puno, Cuzco, Chinchero, Maras, Moray, Ollantaytambo, Aguas Calientes, Poroy


CODICE TOUR: UPE3

10 giorni

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Chiclayo, Trujillo, Cuzco, Valle Sacra, mercati di Pisac, Maras, Ollantaytambo, Aguas Calientes, Machu Picchu, Poroy


CODICE TOUR: UPE4

8 giorni

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Cuzco, Chinchero, Maras, Ollantaytambo, Aguas Callientes, Machu Picchu, Poroy


CODICE TOUR: UPE5

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Cuzco, Valle Sacra, mercato di Pisac, Maras, Ollantaytambo, Aguas Calientes, Machu Picchu, Poroy, Sillustani, Puno, Desaguadero, Tiwanaku, Copacabana, Isla del Sol, La Paz, Uyuni, Salar, Incahuasi, Colchani, Potosi, Sucre, Tarabuco, Santa Cruz, Conception


CODICE TOUR: UPE6

16 giorni

TIPOLOGIA TOUR: DI GRUPPO , PARTENZE GARANTITE

HIGHLIGHTS: Lima, Cuzco, Valle Sacra, mercato di Pisac, Maras, Ollantaytambo, Aguas Calientes, Machu Picchu, Poroy, Puno, Desaguadero, Tiwanaku, Copacabana, Isla del Sol, La Paz, Uyuni, Salar, Incahuasi, Colchani, Villamar, Hito Cajon, San Pedro de Atacama, Santiago del Cile


CODICE TOUR: UPE7



INFO DESTINAZIONE


Sono state le grandi civiltà che si sono susseguite nella sua storia a rendere il Perú un luogo così affascinante. Potete passeggiare per le vie di città coloniali che hanno conservato il carattere dei conquistadores spagnoli, visitare l'antica capitale inca di Cuzco, esplorare la città perduta di Machu Picchu e riflettere sull'enigma delle linee di Nazca. Non occorre fermarsi in Perú molto a lungo per rendersi conto che il 'Nuovo Mondo' possedeva una ricca e complessa cultura già migliaia d’anni prima che Pizarro apparisse indossando buffi abiti.
Tutto questo si trova in un Paese che vanta uno dei paesaggi più vari e spettacolari del Sud America. Le Ande peruviane sono di certo le più belle del continente e sulle montagne vivono milioni d’indios degli altipiani che parlano ancora l'antica lingua quechua e mantengono uno stile di vita tradizionale. Il verdeggiante bacino amazzonico, che occupa metà del Perú, è una delle più importanti zone al mondo per biodiversità: una distesa di foresta pluviale tropicale che vi farà restare a bocca aperta non appena inizierete a conoscerne la ricca flora e fauna. I deserti costieri, con le loro enormi dune ondulate, le oasi di terra coltivata e i villaggi di pescatori, benché scarsamente apprezzati dai visitatori, offrono una fantastica opportunità per allontanarsi dal sentiero dei Gringos. Ma non dovete essere zoologi, antropologi o alpinisti per godervi il Perú. Tutto ciò di cui avete bisogno è curiosità, amore per i paesaggi e interesse per la storia. 
 

NOTIZIE UTILI PERU'

 

Documenti e Visti

Passaporto in corso di validità e con un residuo di almeno 6 mesi dalla data d’uscita dal Paese. Per i cittadini italiani che si recano in Perù per turismo non è richiesto visto d’ingresso, per un soggiorno massimo di 90 giorni. All’arrivo in Perú o sull’aereo si riceve una carta turistica “tarjeta de migracion” (un foglio in duplice copia) che bisogna compilare: una copia viene tenuta dai funzionari dell’immigrazione e l’altra resa; la copia va presentata all’uscita. Oltre al passaporto e alla carta turistica, ufficialmente bisogna avere il biglietto di ritorno o di proseguimento del viaggio.
 

Disposizioni Sanitarie

Per l’ingresso in Perù non è necessaria alcuna vaccinazione. La vaccinazione contro la febbre gialla è consigliata solo per le regioni amazzoniche orientali e, per coloro che si recano nelle aree di foresta amazzonica, la profilassi antimalarica è consigliata anche se i casi di malaria registrati sono piuttosto rari.
Poiché in un viaggio in Perù si visita sempre la regione andina è bene tener conto dell’altitudine che supera, spesso i 3000mt. L’organismo non atto alle altitudini, reagisca vi si adatta con difficoltà: generalmente i sintomi che si accusano nei primi giorni di permanenza, sono senso di affaticamento, mal di testa, mancanza di appetito. È buona norma, nei primi giorni, evitare alcool e fumo, le camminate faticose ed eccessive, avere un consumo moderato di cibo, abbondare con l’ingestione di liquidi, anche perché, spesso, il clima, in altitudine è secco e ventoso, ed indossare capi caldi.
 

Clima 

La stagione turistica in Perú va da giugno ad agosto e coincide con la stagione secca, il periodo migliore per visitare il Paese in generale. Molte delle fiestas più importanti cadono nei mesi piovosi e le celebrazioni proseguono indisturbate nonostante la forte pioggia.
Sulla costa, i peruviani vanno in spiaggia durante il periodo soleggiato, che va da fine dicembre a fine marzo/aprile, benché siano poche le spiagge particolarmente belle. Per il resto dell’anno, la zona costiera è avvolta nella “garùa”, la nebbia. Nelle foreste pluviali orientali, ovviamente piove molto. I mesi più umidi vanno da dicembre ad aprile, sebbene i turisti non disdegnino anche questo periodo, poiché raramente piove per più di poche ore e resta ancora molto sole da godersi; nei mesi di giugno, luglio e agosto può presentarsi il fenomeno noto come “friaje”, ossia ondata di freddo, e le temperature possono scendere sino a 15°. 
Il clima del Perú è caratterizzato dall’alternanza di due stagioni principali, quella delle piogge e quella secca, con varianti regionali. La costa e i pendii delle Ande occidentali hanno generalmente un clima secco. Qui, l’estate va da dicembre ad aprile, mentre durante il resto dell’anno la garúa (nebbia costiera) avvolge la regione nascondendo il sole per la maggior parte del tempo. Nelle Ande, la stagione secca va da maggio a settembre, ma il vero periodo delle piogge va da dicembre/gennaio a marzo dove i mesi di gennaio e febbraio sono i più piovosi. Sulle pareti orientali delle Ande, il tempo nei mesi più asciutti è simile a quello della stagione secca degli altipiani, ma la stagione umida (da gennaio ad aprile) è più marcata.
 

Valuta

L’attuale valuta in corso è il Nuevo Sol (PEN).
Le valute più facilmente convertibili sono euro e dollari usa, che possono essere cambiati in valuta peruviana presso le banche o gli uffici autorizzati. Si consiglia tagli di medio taglio (10, 20, 50), poiché le altre sono guardate con diffidenza. Le ricevute di cambio vanno conservate al fine di effettuare la riconversione. In genere il cambio in aeroporto è piuttosto svantaggioso: si consiglia di cambiare presso le Casas de Cambio, che non applicano, generalmente, commissioni. È possibile pagare anche in dollari americani, ma il cambio applicato, è in genere più svantaggioso. Gli euro e comunque anche i dollari americani non sono accettati nei mercati locali. Le carte di credito più diffuse sono VISA e MASTERCARD, ed è possibile prelevare valuta locale o dollari americani presso gli sportelli ATM. Viene applicata una commissione per l’acquisto o il prelievo con carta di credito.
 

Fuso Orario

-6 rispetto l’Italia durante l’ora solare; -7 durante l’ora legale.
 

Elettricità

La maggioranza degli impianti funziona con una corrente alternata a 220V, 60 Hz. 220 V / 60 Hz. Negli alberghi si trova anche a 110 Volts. Si consiglia di munirsi di adattatore a lamelle piatte
 

Telefono

Per chiamare l’Italia in teleselezione occorre comporre lo 0039 seguito dal prefisso della città italiana con lo zero iniziale e infine il numero desiderato.
Per chiamare il Perù dall’Italia, comporre il prefisso internazionale 0051 seguito dal prefisso della città senza lo zero e infine il numero. 
La telefonia mobile e la sua copertura sono piuttosto buono ed estese.
A volte risulta difficile inviare e ricevere SMS. Per le telefonate si consiglia l’acquisto di schede telefoniche per chiamata all’estero, disponibili in qualsiasi tabaccheria. Una scheda da 5 euro Vi permetterà conversare dai 17 minuti ai 42 in qualsiasi città d’Italia; potrete telefonare su tutto il territorio del Perù. Le schede sono molto semplici da usare, sarà sufficiente seguire le istruzioni riportate sul retro. Le schede più comunemente usate e che funzionano anche con altre compagnie sono: HOLA LATINA, WELCOME, MILLECOM.
In alternativa si può telefonare dai locutorios presenti in tutte le città. L'accesso a Internet in Perù è buono. La velocità di connessione varia a seconda della località. La maggior parte degli hotel offre una connessione Wi-Fi senza costi aggiuntivi oltre ad avere uno o più computer connessi ad internet in aree preposte.
 

Lingua

Lo spagnolo è la lingua ufficiale parlata nella maggior parte del Paese. La costituzione riconosce anche il quechua con sue varianti che si parla nelle zone andine, l’aymara, presente nelle zone andine di Puno e del Lago Titicata. Sugli altipiani, la maggior parte degli indios è bilingue, ma mantiene il quechua come lingua madre. Esistono circa 70 altri idiomi e nelle zone più remote della regione amazzonica lo spagnolo di rado viene parlato. L’inglese è abbastanza diffusa fra gli addetti di hotels, aeroporti e servizi turistici in genere.
 

Religione

Il 90% della popolazione è cattolica, benché gli indios spesso vi uniscano elementi delle loro credenze tradizionali.
In Perù vige la libertà di culto e le feste religiose sono l'espressione della convivenza tra le diverse credenze e i culti preispanici. 
Le festività più importanti sono in genere quelle del calendario liturgico cattolico, che spesso vengono celebrate con grande sfarzo, specialmente nei villaggi indios degli altipiani, dove le ricorrenze cattoliche coincidono spesso con una tradizionale festa dell’agricoltura. Tra le feste principali vi sono il Carnevale (febbraio-marzo), particolarmente popolare sugli altipiani; l’Inti Raymi (24 giugno), la più importante delle feste inca, durante la quale si eseguono spettacolari danze e parate.
 

Popolazione

Circa il 55% della popolazione peruviana vive sulla costa, il 32,0% circa, nella regione andina e il restante 13% nella selva amazzonica. È costituita da 45% ameridi, 37% meticci, ossia discendenti d’ameridi ed europei, 15% d’origine spagnola, 3% neri e minoranze asiatiche.
 

Cibi e bevande

La cucina peruviana è molto gustosa e varia da regione a regione. Il pesce, ovviamente, è migliore sulla costa, mentre sugli altipiani si possono assaporare prelibatezze inca, come per esempio il porcellino d’India arrosto (cuy). Tra gli altri piatti tipici vi sono il lomo saltado (pezzi di carne fritti con le cipolle), il ceviche de corvina (branzino marinato nel limone con peperoncino e cipolle, spesso servito freddo con una patata normale o dolce bollita) e la sopa a la criolla (una minestra leggermente speziata, con taglierini, manzo, uova, latte e verdure). In genere, l'area andina peruviana è ricca di prodotti di alto valore nutrizionale. Carni, tuberi (quasi 3000 sono le varietà di patate presenti in Perù), cereali quali la quinoa, vengono cucinate con pochi condimenti ed una cottura semplice. I dolci andini utilizzano come base il mais, latte e frutta che cresce ad altitudini elevate. La cucina dell’Amazzonia si basa sui prodotti propri di questa terra, quali frutti esotici ed erbe raccolte nella foresta amazzonica. Il palmito, frutto della palma, è un alimento base della cucina amazzonica ed è utilizzato prevalentemente per preparare insalate. La banana è un altro ingrediente base dei piatti amazzonici. Le carni consumate sono diverse: di manzo, di pollo, di pesce e di altre specie che vivono sulle montagne del versante amazzonico, come il paca, noto nella zona per la sua carne dal sapore ricco e povera di grassi.
Il maté e il tè de hierbas sono infusi di erbe, mentre il maté de coca è un infuso di foglie di coca che viene servito in molti ristoranti degli altipiani. Tra le bevande sono degni di nota i succhi di frutta (la quantità e la varietà di frutta che si produce in Perù è davvero invidiabile). Tra le birre la Cusqueña è una delle più popolari mentre la Cristal è conosciuta come la birra del Perù.
Il pisco, la bevanda nazionale, è un brandy chiaro che di solito viene servito nella forma di pisco sour, un gustoso cocktail preparato con pisco, bianco d’uovo, succo di limone, zucchero, sciroppo, ghiaccio tritato e bitter.
La cucina novoandina è uno stile culinario nuovo che recupera le tradizioni culinarie del passato preispanico fondendole con elementi provenienti da orizzonti culturali diversi, come quello europeo.
 

Acquisti 

Tessuti, scialli tradizionali, maglioni d’alpaca e camicie in ogni mercato. I modelli più raffinati si trovano nelle boutiques di Cuzco, Puno e Lima. Molto apprezzati anche i gioielli d’argento e d’oro, lavorati con foggia antica, riproducenti varie divinità incaiche. Ceramiche e terracotte, che riprendono tecniche preispaniche riprodotti con le antiche tecniche di Nazca. Belle le chiesette di Ayachuco, di tutte le misure. Dalla zona di Cuzco anche i “retablos” piccoli altari pieghevoli in legno colorato e con diverse figure intagliate. Per immergersi completamente nella “artesiana” basta girovagare nelle stradine di San Blas a Cuzco dove gli artigiani lavorano e mettono in vendita le loro opere: piccoli oggetti in terracotta o in legno, per le tele che riprendono i canoni stilistici della famosa Scuola di Pittura Cuzqueña
Secondo quanto disposto dalla Legge Generale del Patrimonio Culturale della Nazione, è tassativamente proibita l’esportazione di tutti i beni culturali che si trovano contemplati nella suddetta norma, che include tessili, ceramiche, documenti, fossili, frammenti di beni o tessuti precolombiani, immagini religiose, articoli d'arredamento, argenteria ed altre antichità con più di 100 anni. 
Ricordiamo che è severamente proibito acquistare souvenir inseriti nella Convenzione CITES ricavati da parti di animali e piante locali protetti.
 

Abbigliamento

Costa sud e nord del Perù (Lima, Paracas, Nasca, Ica, Trujillo, Chiclayo, Cajamarca): inverno, da aprile a dicembre (11 °-15°); estate, da dicembre ad aprile (20º-26º) . Vicino alla costa dell'Oceano Pacifico clima umido, ma non piove quasi mai nel corso dell'anno.
Raccomandiamo vestiti leggeri d'estate e d'inverno vestiti autunnali.
Le principali zone andine del Perù (Huaraz, Cusco, Puno, Arequipa, Ayacucho, Huancayo, Andahuaylas, zone Andine) clima tendenzialmente molto secco; altitudine: da 2.500 a 3.700 m. 
Temperature primaverili durante il giorno, notti fredde. Si raccomandano abiti primaverili per il giorno e più pesanti per la notte, golfini, giacche a vento, piumini. Piogge intense da gennaio a marzo.
 

Mance 

Nei migliori alberghi e ristoranti, al conto vengono aggiunte tasse e mance per il servizio che possono ammontare fino al 28%. Gli alberghi e ristoranti più economici non fanno pagare tasse, inoltre nei locali di questa categoria non ci si aspetta che lasciate una mancia. Nei ristoranti più lussuosi, una mancia tra il 10% e il 15% andrà bene, a meno che non sia già stato aggiunto al conto il costo del servizio. I tassisti non ricevono mance. Tirate più che potete sul prezzo della corsa prima di salire a bordo, se non hanno tassametro, ed esigete di pagare quanto stabilito in partenza. Per le guide locali si dovrebbe calcolare una mancia tra i US e US al giorno. Nei mercati, i venditori si aspettano che contrattiate.
 
 

DATI TECNICI

Le quote sono espresse in Euro in unità intere, i centesimi si intendono ,00 ad esempio 314 = 314,00.
I prezzi forfettari pubblicati in catalogo sono stati definiti alla data 28 febbraio 2018
• I cambi di riferimento sono quelli rilevati dalla B.C.E./U.I.C. pubblicati su “Il Sole 24 ore” relativi al giorno 28 febbraio, 2018; per i programmi PERÚ cambio applicato: DOLLARO AMERICANO
Quota d’iscrizione € 80, 00

 

CONTATTACI

+39 0365 546 701


Numero verde 848 46 60 00


booking@utat.it

CONTATTACI

  •    +39 0365 546 701

  • Numero verde 848 46 60 00

  •    booking@utat.it

SEGUICI

UTAT VIAGGI

UTAT TOUR OPERATOR s.r.l.

P.IVA - C.F. 02944360987
Licenza decreto Provincia di Brescia n°808 del 11.04.2003 - autorizzazione I.A.T.A. 3822170-2 - Tutti i diritti riservati. - glacom®

Privacy Policy